Traduci... per leggere nella tua lingua

Preleva

I miei amici.

Dal 1° aprile 2009 ad oggi sei la visitatrice n° ...

Grazie ... torna presto a trovarmi !

mercoledì 22 aprile 2009

"Paparine"... le conoscete?



La "paparina" è un piatto della tradizione contadina salentina.
E' uno dei piatti poveri che fanno... ricca la cucina salentina, una cucina essenziale come essenziale è il paesaggio Salentino... ma proprio per questo tanto suggestivo! Suggestiva è anche la nostra cucina , ricca di ingredienti naturali che nascono spontaneamente ,come la "paparina" appunto o le foje reste, i cardi selvatici, i pampasciuni , ecc. ecc.

Con questi prodotti della terra, spontanei, si preparano ricette veramente squisite, che una volta erano considerate "povere", perchè preparate nelle famiglie contadine, ma oggi sono state rivalutate e si trovano anche nei migliori ristoranti locali come "prelibatezze" .

Prima o poi vi posterò, nella speranza di farvi cosa gradita, le "ricette povere Salentine" che preparerò per voi anche se qualcuna l'ho già postata.

Intanto inizio con le "paparine"

Nel Salento la "paparina" è la pianta del papavero.

Si raccoglie in pieno inverno , dicembre gennaio, quando non ha ancora il fiore.

Si tagliano le radici , si eliminano eventuali foglie secche, si lava benissimo e si prepara in questo modo:

In una pentola si fa stufare dell'olio con uno spicchio d'aglio ed un peperoncino. Si inseriscono le "paparine" e si fanno cuocere senza aggiungere acqua, o molto poca se ve ne fosse bisogno.

Quasi a fine cottura si aggiungono le olive nere e la ricetta è pronta.

Questo è il risultato:

24 commenti:

  1. ma sai che non le conoscevo affatto???
    non si finisce mai di imparare ;)

    RispondiElimina
  2. ma che meraviglia queste paparine....proprio non le conoscevo...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  3. qua si chiamano rosolacci me ne parlava mio babbo, ma io non li ho mai assaggiati!

    RispondiElimina
  4. che bello questo spazioooooooooooo.....e che bello scoprire le paperine! un baciotto

    RispondiElimina
  5. mi ricordano quando ero bambina,andavo in campagna con la mia ''comara''mentre si raccoglievano le olive si trovavano queste piante che si cucinavano sul posto cosi come le hai cucinate tu, oppure buonissime dentro la pizza miste ad altre verdure di campo eravamo poveri ma stavamo tanto bene...caterina

    RispondiElimina
  6. Altro che nouvelle cuisine e innovazioni gastronomiche....ci sono tante di quelle ricette della tradizione che non conosciamo o che trascuriamo e che al contrario meritano la luce dei riflettori!!
    Questa ricetta è molto interessante e a me assolutamente estranea, saprei anche dove pinzare i papaveri, ma se non ho capito male non è il momento giusto....o no?!
    Adesso mi hai scatenata...sono impaziente!

    RispondiElimina
  7. questa verdura mi ricorda quando ero bambina ed andavo in campagna con la mia vicina ,mentre si raccoglievano le olive si trovava questa verdura e poi si cucinava sul posto così come l'hai cucinata tu,oppure nella pizza insieme ad altre verdure miste... eravamo poveri ,ma quanto stavamo bene

    RispondiElimina
  8. quanto erano buone mangiate in campagna mentre si raccoglievano le olive...e nella pizza poi miste ad altre verdurine mi ricordano la mia infanzia eravamo poveri ma belli...caterina

    RispondiElimina
  9. Non sapevo che le paparine fossero commestibili.

    A me i papaveri, oltre al mio blog, ricordano le passeggiate primaverili di quand'ero piccola con miei nonni...

    Baciotti

    Rorò di P&G

    RispondiElimina
  10. Uh...non l'avevo mai vista. Ora sono molto curiosa riguardo al sapore!! baci

    RispondiElimina
  11. è una ricetta dedisamente molto originale, che mi piace molto, non sapevo che si poteva mangiare la pianta del papavero

    RispondiElimina
  12. mai sentito che la pianta si potesse mangiare, nel mio paese (Argentina) nella erboristeria trovi semi per preparare infusioni, diccono calma la tosse, e con i petali insieme ad altre piante (valeriana, etc) per infusione per chi ha disturbi del sonno...grazie della informazione, bravissima!!!! un bacione

    RispondiElimina
  13. io non le so distinguere, mia madre è bravissima come te! un bacione.

    RispondiElimina
  14. Meno male che ci fai conoscere questi "piatti poveri", ma che sicuramente sono i migliori.
    Grazie Rorò
    un bacione

    RispondiElimina
  15. Sono contenta che apprezziate la cucina Salentina.
    Per cassandrina :Le paparine di solito si devono raccogliere quando non hanno ancora il fiore altrimenti risultano amare e anche durette...però visto che la prmavera tarda a venire, forse i papaveri non sono ancora fioriti... allora si possono ancora raccogliere facendo attenzione a tagliare i boccioli.
    Per Laura: il sapore è squisito. Purtroppo non conosco altra verdura che le somigli per sapore...so che hanno un sapore leggermente dolce ma l'aggiunta del peperoncino e delle olive lo esaltano.

    RispondiElimina
  16. Per Rorò (mia omonima) e per Caterina: anche a me le paparine ricordano quando ero piccola.
    Ricordo che quando tornavo da scuola e mia mamma aveva preparato le paparine il loro profuo riempica tutta la casa ed io non vedevo l'ora di togliermi il grembiule e assaggiare le paparine su di un pezzo di pane fatto da mia mamma!
    Quanto erano buone!!!!! Mia mamma era brava nel prepararmi questo tipo di "assaggino"...tagliava il fondo del pane (il gobbo...) toglieva la mollica, praticando una sorta di buca nel pezzo di pane, lo riempiva di paparine e poi lo ricopriva con la mollica appoggiata sopra...era un'impresa riuscire a mangiarlo.......ma a me piaceva tanto!!!!!Ancora adesso provo a farlo...ma non ha lo stesso sapore :( Quanti ricordi mamma.
    Un bacio ragazze...vi voglio tanto bene, Rorò.

    RispondiElimina
  17. A Gunther e a tutte.....provatele, sono buonissime stuzzicano l'appetito e la prima porzione non basta mai ...l'una tira l'altra.

    RispondiElimina
  18. Ottimo, questo riscoprire le nostre radici, le nostre tradizioni, le nostre ricette più antiche e vere. Brava Ros a riproporle, davvero! Altro che cucina molecolare e destrutturata... Ciaooo, dalla Paperina!

    RispondiElimina
  19. devo dirti che mi hai messo una curiosità che mi piacerebbe assaggiarle non ne avevo mai sentito parlare è molto bello scoprire nuove ricette.

    RispondiElimina
  20. sììì le conosco...e ne vado pazza!!!!!Buonissime!!!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao, da noi a Bergamo vengono chiamate popone...e sono come dici tu buonissime....noi li cuciniamo con i salamini freschi.....diventando un piatto prelibato..buona giornata Luisa
    Vorrei aggiungerti ai miei preferiti se ti fa piacere....fammi sapere

    RispondiElimina
  22. Per soleluna, certo che mi fa piacere se mi aggiungi tra i tuoi preferiti , anzi verrò a trovarti e mi inserirò tra chi ti segue e ti aggiungo ancheio nei miei preferiti. Mi piacerebbe conoscere la tua ricetta delle "popone"
    Un abbraccio Rorò

    RispondiElimina
  23. Brava Rosalba, le paparine sono buonissime. Da noi nel Lazio (Castelli Romani) le piantine tenere, si mangiano crude in insalata, mischiate ad altre erbe di campo, oppure ci si prepara una zuppa con fagioli borlotti e crostini di pane passati con aglio. Ciao un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina

Benvenuti nel mio blog, se vi fa piacere lasciare un commento, sarò lieta di leggerlo!
Un grande abbraccio a tutti, Rorò.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Salve, je suis la mascotte du blog